Il buco nero con la crescita più rapida dell’universo: ecco l’oggetto studiato dall’ANU Research School of Astronomy.

Il paper degli scienziati sarà pubblicato su Publications of the Astronomical Society of Australia.

Gli astronomi del centro di ricerca australiano hanno portato il loro sguardo indietro più di 12 miliardi di anni, scrutando le prime oscure età dell’Universo.

Si calcola che questo buco nero super-massiccio abbia le dimensioni di circa 20 miliardi di soli e un tasso di crescita dell’uno per cento ogni milione di anni.

“Questo buco nero sta crescendo così rapidamente che splende migliaia di volte più intensamente di un’intera galassia, a causa di tutti i gas che succhia quotidianamente che riescono a causare molto attrito e calore”, ha detto il dott. Wolf della ANU Research School of Astronomy.

Gli scienziati pensano che avere un oggetto di tale voracità al centro della nostra Via Lattea potrebbe portare alla distruzione della vita sulla terra.

Il telescopio SkyMapper presso l’ANU Siding Siding Spring Observatory ha rilevato questa luce nel vicino infrarosso, notando come le onde luminose si erano spostate sul rosso.

“Questi buchi neri sono estremamente rari e li stiamo cercando da diversi mesi con SkyMapper. Il satellite Gaia dell’Agenzia spaziale europea, che misura i piccoli movimenti di oggetti celesti, ci sta aiutando a trovare questi buchi neri supermassicci.” ha spiegato lo studioso.

Gli scienziati possono vedere le ombre degli oggetti di fronte al buco nero supermassiccio, quindi tramite questo meraviglioso “mostro” possiamo scoprire di più su molti oggetti e situazioni esotiche nell’universo.

Fonte: ANU

Fonte immagine: NASA/ESA