Scavare nel cuore di pianeti extrasolari è possibile grazie ad una nuova serie di simulazioni fatte da Ray Smith e dal suo team del Lawrence livermore National laboratory in California.

Per simulare il cuore di un pianeta extrasolare gli scienziati hanno puntato 176 laser su una piccola pallina di ferro, spessa qualche micrometro, con un’energia tale che in circa 30 miliardesimi di secondo è stato possibile comprimere il ferro fino a pressioni 14 milioni di volte superiore a quella atmosferica terrestre a livello del mare.

Le pressioni all’interno di un esopianeta sono di gran lunga superiori rispetto a quelle che si trovano nel nostro nucleo terrestre, per capirci meglio, c’è stato spiegato da Ray che : “Un pianeta extrasolare con 5 volte la massa della terra ha circa 2 TPA ovvero 20 milioni di atmosfere in più ,rispetto alle 0.36 TPA della terra”

L’esperimento portato avanti nel laboratorio è la continuazione di un lavoro già compiuto da Smith e colleghi che aveva, tramite una compressione, portato dei diamanti a pressioni estremamente superiori, sappiamo comunque con una buone dose di certezza che i diamanti non si trovano a tali profondità negli esopianeti.

L’esperimento è utilissimo anche perché la missione lanciata alcuni giorni fa dalla NASA, TESS, prevede di studiare proprio esopianeti di questa grandezza.

Gli scienziati hanno indagato pianeti dal raggio da 1 a 4 volte quello terrestre e hanno scoperto, grazie alle osservazioni di Kepler, che questa tipologia di corpi è estremamente presente nella nostra galassia.

I futuri esperimenti estenderanno lo studio sulle materie planetarie (materiali che compongo i pianeti al di fuori del nostro sistema solare) a successive pressioni atmosferiche.

Sarà estremamente interessante. tramite le tecnologie a raggi-x, determinare anche come le strutture dei cristalli si evolvono con queste pressioni estreme e difficili da concepire.

Credito foto

Gianluigi Marsibilio