Considerare il Parkinson come malattia autoimmune è un’idea che parte da lontano, affermata circa un secolo fa: oggi una ricerca apparsa su Nature, che ha visto nel team Alessandro Sette, del Centro per le malattie infettive e Divisione di scoperta dei vaccini del La Jolla Institute for Allergy and Immunology e David Sulzer Professore del dipartimento di Psichiatria, Neurologia, Farmacologia della Columbia, ha confermato che una parte del sistema immunitario lancia degli attacchi all’alfa-sinucleina, proteina chiave nello sviluppo della malattia.

La ricerca, come ha spiegato il professor Sette: “Ha trovato prove di questi attacchi lanciati dal sistema immunitario al cervello con malattia di Parkinson. In modo particolare abbiamo visto che l’alfa sinucleina, che aggrega i neuroni in un’area chiamata substantia nigra, attiva le cellule T”.

Si deve ancora capire il ruolo della risposta immunitaria all’alfa-sinucleina: “Per comprendere se sia una causa iniziale della malattia o contribuisca alla morte neuronale, peggiorando i sintomi”.

David Sulzer ci ha dichiarato: “Ora il Parkinson avrà somiglianze con altri disturbi come il diabete di tipo 1 o la sclerosi multipla”. Il sospetto che il sistema immunitario svolgesse un ruolo determinante nella malattia era presente dal 1920. “L’ipotesi- ha precisato Sette- non ha più avuto attenzione, dato che gli scienziati pensavano che i neuroni fossero protetti da attacchi autoimmuni”. Per arrivare a rivoluzionare l’idea della malattia il team ha effettuato esami del sangue su malati, mostrando per la prima volta una risposta immunitaria a questi antigeni, mentre le persone sane non rivelavano alcun “attacco” in corso.

Lo sviluppo di questa ricerca potrà portare in avanti lo studio di terapie efficaci: “La scoperta fornisce una tabella di marcia per nuovi tipi di farmaci che possono arrestare o rallentare la progressione della malattia, attenuando la risposta immunitaria” ha indicato Sette.

L’idea è quella di colpire con terapie proprio i neuroni che iniziano a degenerare nel tempo: il deterioramento dei neuroni porta a modulare il movimento muscolare, far perdere la coordinazione, l’equilibrio e a sviluppare i tremori presenti nei pazienti.

I risultati della ricerca mettono in campo la possibilità di capire e aumentare la tolleranza del sistema immunitario all’alfa sinucleina, riuscendo a prevenire o bloccare il peggioramento dei sintomi.

La strada è ancora lunga, ma quella imboccata è giusta e oggi si può affermare che un nuovo tassello sulla ricerca al Parkinson è stato posato.

 

 

Gianluigi Marsibilio