La sicurezza aerospaziale viene controllata continuamente dal programma di sicurezza ARMAS. Il programma ha dato un contributo significativo al miglioramento della sicurezza del trasporto aereo internazionale: il progetto punta anche ad osservare i valori delle radiazioni atmosferiche e noi abbiamo fatto due chiacchiere con W. Kent Tobiska, dello Space Environment Technologies,  per capire come funziona ARMAS e in che modo la sicurezza aerospaziale viene garantita con queste continue misurazioni.

 

 

Quali sono gli effetti delle sorgenti di radiazioni sul trasporto aereo?

 

Ci sono due effetti, uno sull’uomo e uno sull’avionica. In primo luogo i piloti, l’equipaggio, e i passeggeri, che comprendono tra i loro feti nel primo e nel secondo trimestre, in grado di affrontare l’esposizione alle radiazioni supplementari quando si vola ad altitudini dell’aviazione commerciale sopra i 26.000 ft. (~ 8 km). In secondo luogo, l’avionica può sperimentare gli effetti di eventi singoli (IES) a causa dell’ambiente radiattivo.

 

Dove si concentra il più alto numero di radiazioni?

 

Nelle regioni di latitudine superiori, sia a nord che a sud. Ad esempio, il Pacifico del Nord e del Nord Atlantico, rotte dagli Stati Uniti per Asia e in Europa, rispettivamente, in genere avranno esposizioni alle radiazioni più elevate rispetto alle medie latitudini o delle vie equatoriali.

 

Quali sono i principali strumenti scientifici che controllano le radiazioni?

Ci sono una serie di strumenti che misurano le radiazioni e le registrano dopo il volo con l’analisi scientifica, compreso il TEPC, il Liulin, e gli strumenti Raysure. Gli strumenti di misurazione automatica di radiazione per la sicurezza aerospaziale (ARMAS) sono gli unici che misurano l’ambiente di radiazione in aereo durante il volo e inviano i dati a terra in tempo reale per essere usate in operazioni di volo, piloti, il pubblico, e la comunità scientifica.

 

Quali sono i tipi di radiazioni pericolose per gli esseri umani in volo?

Ci sono 3 sorgenti di radiazioni:

1) I Raggi Cosmici Galattici (GCR) forniscono la gran parte delle radiazioni al personale di volo o ai viaggiatori frequenti. GCR sono più alte durante i minimi del ciclo solare e minori durante il ciclo solare massimo. Il fondo di radiazioni GCR è presente tutto il tempo ed è ovunque nel pianeta.

2) Le Particelle energetiche solari (SEP) sono connesse con i grandi eventi di brillamento solare che possono moltiplicare l’esposizione alle radiazioni per il personale di volo e per i frequenti viaggiatori per un gran numero di ore. Le radiazioni sono più alte durante brillamenti solari e inesistenti quando non si verificano; l’impatto maggiore si trova nelle alte latitudini (sia nord che a sud) del pianeta.

3) La precipitazione energetica di elettroni (EEP) è associata a piccoli eventi di disturbo geomagnetico che possono aumentare l’esposizione alle radiazioni per personale di volo e frequent flyer per un massimo di un’ora. Radiazioni EEP sono più alte durante piccoli disturbi geomagnetici e inesistente quando coloro che non si verificano, anche in questo caso l’impatto maggiore si verifica nelle altitudini più alte.