L’Universo è un luogo straordinario, colmo di meraviglie in grado di lasciarci letteralmente a bocca aperta, ma è anche un luogo tremendamente ostile e violento, dominato da immense forze di scala inimmaginabile per noi, piccoli esseri umani, abitanti di un minuscolo, pallido puntolino azzurro.

E così questo mese ci concentriamo proprio su uno di quei fenomeni “violenti” che caratterizzano il cosmo: le supernovae! L’esempio primo che ci viene in mente è la supernova SN1987A (https://goo.gl/1CQqfL), che esattamente 30 anni fa esplose nella Grande Nube di Magellano. A renderla speciale, come spiega con dovizia di dettaglio Claudio Elidoro nel suo articolo, è il fatto che questa supernova si trova nelle nostre vicinanze. Praticamente dietro l’angolo… Cosa abbiamo imparato da essa?

A questo punto la domanda dovrebbe sorgere spontanea: quali sono le potenziali supernovae vicine alla Terra? È possibile prevedere quando esploderanno? Costituiscono un reale pericolo per noi? Troverete le risposte nell’articolo “Supernovae Vicine“.

L’esplosione di una stella in supernova, al di là del fascino che tale deflagrazione può suscitare, costituisce un interessante campo di studio per la scienza astronomica in cui anche gli appassionati e gli astrofili possono dare un contributo concreto. In Italia esiste un folto gruppo di ricercatori amatoriali che ogni notte, armato di tenacia e pazienza, scandaglia il cielo alla ricerca di quegli improvvisi lampi luminosi. Ma come si fa a scoprire una supernova? E cosa serve per farlo? Scopritelo in “A Caccia di Supernovae: come fare?” (https://goo.gl/2qpLRT) di Fabio Briganti e Riccardo Mancini. Ascoltiamo inoltre le esperienze dei cacciatori italiani, che da anni hanno trasformato la loro passione per il cielo in una “spietata ricerca“, tra sacrificio, passione e grandi emozioni.

Restando in tema di “nuove stelle”, Daniele Gasparri ci parla dello studio che indica nel febbraio 2022, una data molto vicina in termini astronomici, il momento in cui in cielo, nella costellazione del Cigno, potremo veder splendere una nuova stella. Sarà davvero così? Come è stato possibile saperlo così in anticipo? Qualche incertezza c’è ma, nel dubbio, meglio segnare la data nel proprio calendario!

Per gli amanti delle riprese astrofotografiche questo mese proponiamo la prima parte di un articolo tecnico molto approfondito, CCD vs CMOS (https://goo.gl/uFb1jC), in cui Mauro Narduzzi (Skypoint) mette a confronto le due tecnologie, sottolineando differenze, pregi e caratteristiche. Giorgia Hofer invece ci dà alcune dritte per osservare e fotografare al meglio un evento affascinante, l’occultazione della stella Aldebaran da parte della Luna (nel Cielo del Mese troverete tutti i riferimenti).

 

Per gli appassionati di osservazione, impariamo a conoscere il cielo a occhio nudo con la guida di Giorgio Bianciardi (UAI) e scopriamo le meraviglie deep-sky della poco conosciuta costellazione della Lince (https://goo.gl/dFkq2D) con Stefano Schirinzi. Ne “Il Cielo del Mese” (https://goo.gl/ZTmbdj)potrete trovare come sempre la guida completa all’osservazione degli eventi del mese, tra cui una bella Eclisse Penombrale di Luna. Francesco Badalotti ci guida all’osservazione lunare del Mare Crisium: riuscite a vedere il tanto discusso “Ponte di O’Neill“? Comete e Asteroidi, di Claudio Pra, completano il quadro di un mese davvero ricco di spunti per l’osservazione.

 

Ma non finisce qui, come sempre potrete trovare le ultime notizie di astronomia, astronautica e tanti appuntamenti da non perdere con mostre e incontri.

E non dimenticate di seguirci sulla nostra pagina Facebook (https://www.facebook.com/coelumastronomia), su Twitter (@Coelum_news) e sul nostro sito web www.coelum.com.

 

Potete leggere il nuovo numero a questo indirizzo: https://goo.gl/LZY1jg

//www.joomag.com/magazine/coelum-astronomia-208-2017/0451335001484589306?e=1&page=1&embedInfo=theme,293042,151b26,ffffff,ffe358,ffffff;
 

Buona lettura!