La NASA ha colto l’occasione dei test su SLS (Space Launch System), nuovo vettore di lancio dell’agenzia statunitense che ha il compito di portare: “gli astronauti più lontano nello spazio profondo”, per testare High Dynamic Range Stereo X (HiDyRS-X).

Per la realizzazione di questo strumento si sta mettendo in pratica una collaborazione tra NASA, Stennis Space Center Early Career Employees e Innovative Imaging & Research Corporation; intorno allo sviluppo della camera ci sono tantissimi giovani aiutati da tecnici esperti dell’agenzia spaziale USA.

La videocamera sarà utilizzabile in varie missioni spaziali: il progetto è nato con l’esigenza di migliorare lo studio dei test sui razzi i quali, a causa del grandissimo getto della propulsione, non potevano essere filmati adeguatamente.

Il filmato qui sopra mostra le sorprendernti riprese di HiDyRS-X, con cui è stato possibile riprendere chiaramente i pennacchi di richiamo durante la propulsione. Con questa nuova tecnologia si potrà capire e analizzare la potenza di un razzo e se ci sono problemi connessi a dei motori.

I test su questa tecnologia saranno utili poi per perfezionare il progetto: l’obiettivo è quello di mandare questa videocamera nello spazio nelle prossime missioni a lunga durata, probabilmente HiDyRS-X si ritroverà su Marte o forse su un asteroide.

Il video prodotto da questo strumento è ad High Dynamic Range tridimensionale, la tipologia di immagini permette un’analisi nei minimi dettagli che consentirà la massima funzionalità nella preparazione e nello studio delle missioni.

Gianluigi Marsibilio

Crediti: Nasa