L’Italia ha ricevuto dalla Commissione Europea un richiamo per il modo in cui ha adottato la direttiva dell’Unione Europea sulla protezione degli animali utilizzati a fini scientifici: viene contestata all’Italia l’aggiunta dei divieti per l’utilizzo di animali in alcune aree di ricerca, il governo ha due mesi di tempo per rispondere alla procedura della Commissione.

Una delle condizioni imposte dai politici italiani è stata anche quella di evitare l’uso di primati non umani, cani e gatti nella ricerca di base.

EXOMARS POSTICIPATA

Dopo la partenza e le prime immagini aspettavamo tutti il 2018 per la partenza della seconda parte della missione Exomars: in settimana però l’Esa ha fatto sapere che bisognerà aspettare il 2020 per vedere approdare sul Pianeta Rosso il nostro trapano ( targato ASI) pronto a perforare il suolo marziano.

I direttori dell’ESA e di Roscosmos hanno deciso di prendere la decisione a causa dei ritardi industriali e dei ritardi nella consegna del payload scientifico.

La nuova data da segnare sul calendario è luglio 2020, i siti di atterraggio su Marte sono segnati e aspettano solo di essere studiati.

LHC BLOCCATO DA UNA FAINA

LHC di Ginevra è stato bloccato a causa di un singolare incidente: una faina si è incastrata e ha occupato i tunnel dell’accelleratore. L’animale ha creato un cortocircuito e ha diminuito la potenza dello strumento, ci sono voluti alcuni giorni per ripristinare le funzioni dell’accelleratore.

Proprio in queste settimane sono numerose le indicazioni che stanno arrivando dall’esperimento al CERN, quindi continuate a seguirci e magari tra pochi giorni potrebbero esserci ulteriori novità, faine permettendo.