I dati raccolti dalla Sonda Spaziale Maven sull’influenza del vento solare mostrano come l’atmosfera del pianeta rosso sia stata alterata

La sonda spaziale Maven ( Mars Atmosphere and Volatile Evolution) ha scoperto come i venti solari hanno giocato un ruolo chiave nella distruzione dell’atmosfera del pianeta rosso, cambiando per sempre il clima sul quarto corpo del sistema solare. I risultati dello studio sono stati presentati in una conferenza stampa della Nasa e pubblicati sulla rivista ”Science and Geophysical Research Letters”, dalla ricerca emerge che l’atmosfera del pianeta è stata strappata molto velocemente, con una velocità di circa 100 grammi al secondo.

Secondo gli scienziati, sotto la densa e calda atmosfera di Marte, in passato si celava un ambiente ricco di caratteristiche simili a quelle terrestri, come ad esempio una copiosa presenza di acqua. “L’erosione dei venti solari è un meccanismo importante per le perdite atmosferiche, e ha giocato un ruolo cruciale nei cambiamenti climatici avvenuti sul pianeta rosso” così spiega Joe Grebowsky, ricercatore del team di Maven.

vento solare

Il satellite ha potuto studiare l’azione del vento solare sull’atmosfera grazie al brillamento solare avuto l’8 marzo 2015, durante questo evento la sonda ha registrato delle forti alterazioni nel campo magnetico del pianeta, inoltre altri strumenti rilevavano un aumento di oltre 10 volte superiore al normale nel flusso di ioni verso lo spazio esterno. “In passato” come spiega Stephen Boughter, ricercatore della Michigan University,” le esplosioni solari erano molto più abbondanti di oggi è lecito dedurre che l’atmosfera di Marte venne sottoposta a una forte riduzione degli elementi che la componevano”. La sonda Maven lanciata nel 2013 concluderà il primo passaggio della missione il 16 novembre, in questo primo periodo è riuscita ad inviduare dati fondamentali per la comprensione del pianeta rosso.

Gianluigi Marsibilio