Scoperta sul pianeta rosso un deposito di sale che potrebbe confermare l’ipotesi che ci sia acqua su Marte

Una salina di circa 30 chilometri quadrati, scoperta dall’Università del Colorado, rappresenta l’ennesimo segno della presenza di acqua sul suolo marziano e conferma che il pianeta rosso, ora freddo e arido, una volta era ricco di laghi in superficie. Questa scoperta rappresenta una delle ultime testimonianze sulla presenza d’acqua sul pianeta: le saline, come sulla terra, sono la prova di un’importante presenza di acqua, il sito si trova nella zona di Marte chiamata Meridiani Planum.

Acidalia-Planitia-Tempe-Tera-Marte

Il lago è stato datato attraverso delle mappature, attraverso le quali è stata stimata un’età di circa 3,6 miliardi di anni. La salina, con una salinità pari a circa l’8%, costituisce  un habitat ideale per lo sviluppo di vita microbica. Bryan Hanek dalle colonne di Geology, rivista che ha pubblicato la scoperta, ha dichiarato ‘’ Se teniamo conto esclusivamente di questo dato, possiamo ipotizzare che le sue acque siano state abitabili per gran parte della sua esistenza’’, e inoltre il ricercatore afferma ‘’ è sicuramente un lago molto longevo, possiamo affermarlo con certezza, perché abbiamo in mano dati sufficienti per affermarlo’’.

Gianluigi Marsibilio