A voce unanime i Rabbini di tutta Italia hanno condannato gli atti terroristi di matrice ebraica che si sono consumati in qusti giorni in Israele: “Tutti questi comportamenti non hanno a niente a che fare con la legge ebraica

“Le parole più efficaci in linea con quella che è la nostra identità e i valori che vogliamo testimoniare le ha pronunciate il presidente Rivlin: non è la nostra via, non è la via del popolo d’Israele”. Parte da queste affermazioni il rav Giuseppe Momigliano, presidente dell’Assemblea dei Rabbini d’Italia, per esprimere la ferma condanna, a nome di tutto il rabbinato italiano, per i fatti di sangue delle ultime ore: il rogo nel villaggio palestinese di Kfar Douma, in cui ha perso la vita il piccolo Ali Saad Dawabsheh, e l’attacco omofobo contro i manifestanti del Gay Pride di Gerusalemme. Oltranzismo e fanatismo religioso sono la radice comune dei due orrendi episodi.

“Sono gesti contrari a qualsiasi valore ebraico. Per questo – dice Momigliano a ‘Moked’ (http://moked.it/), il portale dell’ebraismo italiano – è importante che contro questa barbarie si levi una voce forte, un unico fronte che dal rabbinato arriva alla società civile. E che dalle parole si passi immediatamente ai fatti. Quello che sta succedendo in Israele in queste ore fa ben sperare”. Categorico anche il rabbino capo di Roma, rav Riccardo Di Segni: “Tutti questi comportamenti non hanno a niente a che fare con la legge ebraica, la halakhah. Non c’è altro da aggiungere”.

RABB

Il rav Benedetto Carucci Viterbi, preside delle scuole ebraiche di Roma, tratta questo tema in una riflessione che parte dal comandamento “Non uccidere”. “Non uccidere – dice il rav – senza ma senza selezione falsamente giustificativa delle vittime”. E Rav Pierpaolo Pinhas Punturello, rappresentante per l’Italia dell’organizzazione Shavei Israel, incalza: “Il gesto di un haredì che ha accoltellato alcuni manifestanti al Gay Pride di Gerusalemme e il brutale incendio di una casa vicino Ramallah con la conseguente morte di un bambino di 18 mesi schiacciano senza possibilità di respiro gli orizzonti della mia identità ebraica”.

Il rav Adolfo Locci, rabbino capo di Padova, cita il passo dal Deuteronomio che recita “E amerai l’Eterno tuo Dio”. E spiega: “I maestri del Midrash insegnano che questo verso si riferisce all’amore verso Dio che si deve far nascere nelle altre persone, come fece Abramo nostro padre. Non è però sufficiente, per adempiere a questa mitzvà, il nostro personale amore, bisogna considerare soprattutto quello che riusciamo a far scaturire negli altri attraverso il nostro insegnamento e il nostro esempio”. E quindi, conclude il rav, “guai a coloro che sono vergogna per la Torah e il popolo di Israele”.

(Fonte S.I.R.)

(Metti “Mi Piace” alla nostra pagina Facebook ”Tra Scienza e Coscienza” e seguici su Twitter)